Chi fa da sè ... NON sempre fa per TRE

Il sogno di ogni Venditore di immobile è quello di cimentarsi nel “fai da te” convinto, in molti casi, che casa propria sia la migliore di tutte … “casa mia casa mia per piccina che tu sia tu mi sembri una badìa”. Ovviamente lo stimolo base del “fai da te” è un inguaribile ottimismo nel poter essere il migliore a poter valorizzare l'immobile acquistato con tanti sacrifici …

 

Tralasciamo per un momento :

1°) la questione del coinvolgimento emotivo e

2°) l'incapacità “naturale” di rimanere “neutrali” di fronte all'oggettivo valore basato sul  

     mercato del venduto dell'ultimo periodo e

3°) il fattore fortuna con la “C” maiuscola che a volte accompagna anche i più improvvisati  

     neofiti che ovviamente rientra nella categoria dell’imponderabile.

... e facciamo un ragionamento semplice semplice.

 

Fatte le dovute premesse però ci si deve confrontare con la realtà ovvero con quella che a tutti gli effetti è una vera e propria concorrenza con la quale abbiamo a che fare nella stragrande maggioranza dei casi quando mettiamo in vendita un immobile; infatti è molto probabile che un immobile possa avere dei comparabili ovvero quegli immobili molto simili e che, certamente, appariranno nei risultati delle ricerche che i potenziali acquirenti potranno reperire tranquillamente online.

 

Eh sì perché è online che ormai si cercano le case e ormai le dinamiche delle ricerche sono codificate; dai siti e portali a più alta e semplificata navigabilità e facilità di restituzione dei risultati più in linea a quello ancora rimasti al Web 1.0 … oggettivamente non siamo più all'inizio dell'era del “mista” cartaceo/online ormai, prevalentemente, si cerca casa anche stando seduti tranquillamente al cinema tra un tempo e l'altro sfogliando e analizzando i dati inseriti nelle proposte immobiliari sia da privati che da agenzie immobiliari.

 

Pertanto l’ottimismo va bene, ma anche una doccia nel “realismo di mercato” certamente non guasta; in assenza non sono rari i casi di immobili in vendita, che rimango sul mercato per tanto, troppo, tempo.

 

Gli immobili non si vendono più senza una strategia e senza un percorso/check list testato  e aggiornato in base ai nuovi adempimenti che fioccano periodicamente. E’ conclamato il fatto che siamo ben lontani dalla semplificazione burocratica, anzi negli ultimissimi anni sono stati introdotti talmente tanti adempimenti che il percorso se non è gestito in maniera “codificata” rischia veramente di diventare un salto agli ostacoli giorno dopo giorno con grossi rischi nella gestione dell’operazione con tutto ciò che poi sono le ripercussioni indotte (Es. vendite collegate, traslochi e spostamenti a rischio coordinamento).

 

Finchè tutto fila liscio nessun problema per nessuno, è vero ! Infatti la vera professionalità deve essere il vero e proprio paracadute a disposizione -lì pronto ad aprirsi- nel momento in cui insorgono criticità da affrontare “Super partes” con equilibrio e buon senso.

 

Rivolgersi a un Agente Immobiliare Professionista vuol dire potersi attendere una vera e propria Guida nel percorso della vendita immobiliare, un’Assistente IN CARNE e OSSA, che accompagni in un passo così importante nei meandri della burocrazia e degli adempimenti.
 

Il mito della vendita realizzata privatamente si auto-alimenta, tuttavia moltissimi di coloro che hanno provato a gestire autonomamente una compravendita immobiliare difficilmente ripeterebbero l’esperienza. Chi sa quali documenti occorre avere? Quali passi da fare? E in che tempi? Passi? Procedure? Verifiche Centrale Rischi? I documenti per la banca, l’estinzione del mutuo residuo, la normativa sugli impianti … insomma occorre sapere come muoversi !

 

Scegliamo con cura il Professionista da cui farci assistere (in ogni settore), ma SCEGLIAMO !